Proverbi dei mesi - Moments

moments
Vai ai contenuti
Grazie della visita ^-^
grey line
Il proverbio viene definito spesso come la saggezza dei vecchi ed è senz’altro una saggezza che merita di essere tramandata ai giovani. A chi non è capitato di citarne qualcuno a conclusione di un discorso tanto per sottolineare quello che si è appena detto?
Molti proverbi sono andati persi nel tempo e qui voglio continuare a tenerli in vita.
PROVERBI DEI MESI ~ MODI di DIRE


◆   GENNAIO.


◆   Gennaio forte lo teme il vecchio come la morte.


◆   Un bel gennaio bel anno reca.


◆   La luna di gennaio luce come giorno chiaro.


◆   Il gran freddo di gennaio empie il granaio.


◆   Gennaio asciutto grano dappertutto.


◆   Gennaio col tempo bello, febbraio con il mantello.


◆   Se a gennaio spunta l'erba, chi ha buon grano se lo serba.


◆   Anno nuovo, vita nuova!


◆   Pota a la luna di gennaio se vuoi riempir le botti.


◆   A gennaio fai i ponti, a febbraio li racconti.


◆   Non c'è gallina né gallinaccia che a gennaio uova non faccia.


◆   FEBBRAIO.


◆   Febbraio caldo, primavera fredda.


◆   La neve di febbraio ingrassa il granaio.


◆   Febbraio nevoso, estate gioiosa.


◆   Neve di febbraio, festa nel granaio.


◆   Se di febbraio tuona, l'annata sarà buona.


◆   Febbraietto, scortica l'aglio e il capretto.


◆   Febbraio è di ogni mese, il più corto e il men cortese.


◆   Febbraio febbraiolo, ogni uccello poso l'ovo.


◆   Primavera di febbraio reca sempre qualche guaio.


◆   Chi vuole un bel erbaio, lo semini a febbraio.


◆   Febbraio umido, buona annata.


◆   MARZO.


◆   A marzo i venti, ad aprile i serpenti.


◆   Marzo, marzotto, ogni merlo con il suo merlotto.


◆   Del sole di marzo, dell'acqua di mare, della donna che fischia, non ti devi fidare.


◆   Quando marzo è piovoso, il frutteto è generoso.


◆   A marzo taglia e pota se non vuoi la botte vuota.


◆   arzo molle, grano per le zolle.


◆   Marzo senz'acqua, april senz'erba.


◆   APRILE.


◆   Aprile dolce dormire.


◆   L'avena di aprile è latte per l'ovile.


◆   Ad Aprile non ti scoprire.


◆   Aprile bagnato, raccolto assicurato.


◆   Se aprile tuona e piove, porta sempre buone cose.


◆   Aprile, apriletto, un dì freddo un dì caldetto.


◆   Aprile fa il fiore e maggio ne ha l'onore.


◆   D'aprile non ti scoprire, di maggio non ti fidare, di giugno fà quel che ti pare.


◆   MAGGIO.


◆   Sole di maggio, a tutti dà coraggio.


◆   Maggio ridente fa allegra la gente.


◆   Maggio tutto vento, porta paglia e non frumento.


◆   Maggio asciutto gran per tutto.


◆   Maggio soleggiato frutta a buon mercato.


◆   Maggio giardinaio non empie il granaio.


◆   Quando maggio si rivolta, torna aprile un'altra volta.


◆   GIUGNO.


◆   Di Giugno ciliege in pugno.


◆   Giugno tonante, raccolto abbondante.


◆   Giugno umido e caldo, contadino baldo.


◆   Giugno freddolino, povero contadino.


◆   Il caldo di Giugno fa raccogliere col pugno.


◆   Finché giugno non è all'otto, non togliere il cappotto.


◆   LUGLIO.


◆   Luglio sornione, cambia zucca in melone.


◆   In Luglio tutto il caldo scende in Puglia.


◆   Vino bianco e capponi, di luglio non son buoni.


◆   Luglio dal gran caldo bevi bene e batti saldo.


◆   Se Luglio è asciutto, buon vino spera.


◆   Luglio con sacco e saio porta chicchi sul granaio.


◆   Nuvole di Luglio fan presto tafferuglio.


◆   Se a luglio gran calura, a gennaio gran freddura.


◆   Non far tempeste, Luglio mio, sennò il mio vino addio.


◆   Di Luglio è ricca la terra ma povero il mare.


◆   Luglio è debitore, agosto è pagatore.


◆   AGOSTO.


◆   Acqua d'agosto: olio, miele e mosto.


◆   Il sole d'agosto, prepara un buon mosto.


◆   Agosto empie la cucina e Settembre la cantina.


◆   Con la prima pioggia d'agosto il caldo è riposto.


◆   Il sole d'Agosto inganna la massaia nell'orto.


◆   Ricco è l'Agosto che ci dà grano e mosto.


◆   Agosto città mia non ti conosco.


◆   Agosto matura, settembre vendemmia.


◆   SETTEMBRE.


◆   Settembre amico, apre mandorla e fico.


◆   Di settembre di frutti ce n'è sempre.


◆   Settembre bello, sole e venticello.


◆   Chi lavora di Settembre, fa bel solco e poco rende.


◆   Settembre ventoso e dorato, è bello e fortunato.


◆   Settembre inclemente, poco vino o niente.


◆   A settembre chi è esperto, non viaggia mai scoperto.


◆   OTTOBRE.


◆   Ottobre è bello, ma tieni pronto l'ombrello.


◆   Se ottobre è piovaiolo è pure fungaiolo.


◆   In ottobre compra grano e copriti.


◆   Ottobre piovoso, campo prosperoso.


◆   Ottobre, il vino è nelle doghe.


◆   Caldo ottobre fa freddo febbraio.


◆   NOVEMBRE.


◆   Se di novembre tuona l'annata sarà buona.


◆   Di novembre va in montagna ed abbacchia la castagna.


◆   Se in novembre non hai arato, tutto l'anno sarà tribolato.


◆   Novembre gelato, addio seminato.


◆   Acqua di novembre, benedizione dei prati.


◆   La neve di novembre fa bene alla semente.


◆   DICEMBRE.


◆   In Dicembre prendi legna e dormi.


◆   Dicembre piglia e non rende.


◆   Dicembre innevato, contadin fortunato.


◆   Dicembre gelato non va disprezzato.


◆   Se dicembre è bello, non lo è poi l'anno novello.


◆   A dicembre nevoso, segue anno fruttuoso.




- Telaio/cornice by: R-Oksana
I testi sono di proprietà dei rispettivi autori che ringrazio per l'opportunità che mi danno far conoscere gratuitamente a studenti ed agli utenti del web i loro testi per solo finalità illustrative didattiche.
Se vuoi lascia un commento nella Cbox, oppuse se preferisci un messaggio privato e-mail
Grazie della visita... ^_^
www.moments.altervista.org
grey line
✉  E-mail
❖  Banner
❤  Amici
©  Credits
☺  C-Box
☆  Awards
Torna ai contenuti